Come iniziare a proteggere computer e smartphone da virus e malware

Come iniziare a proteggere computer e smartphone da virus e malware

Con l’introduzione di nuove funzioni nei dispositivi mobili e fissi si possono riscontrare falle nei sistemi di sicurezza. Proteggere computer e smartphone da virus e malware è importante per tenere al sicuro i propri dati ed ecco i consigli base da rispettare per salvaguardare la propria privacy.

Sono numerosi gli articoli citanti ditte sotto attacco informatico e l’errore più comune che un normale utente può commettere è pensare che siano solo loro il principale obiettivo di hacker professionisti. Difatti ci si scoccia di effettuare un cambio password mensile, non si bada ai mittenti delle email ricevute e addirittura si scaricano allegati da messaggi istantanei di dubbia provenienza.

“Collezionare dati” è l’obiettivo di qualsiasi hacker. Che essi siano essenziali come codici di conti correnti o semplici dati di accesso a siti internet poco conta, siamo tutti a rischio e nello stesso identico modo! Ecco spiegato perché  è importante tutelare i dati presenti in qualsiasi dispositivo, sia esso uno smartphone o notebook. Tra le altre cose i migliori consigli che si possono suggerire non richiedono nemmeno chissà quali livelli di attenzione, sono molto semplici da seguire e proteggeranno computer e smartphone da qualsiasi virus, malware ed attacco informatico.

1. Il primo errore: La superficialità

“Ma cosa vuoi che mi succeda se la mia password è composta dal mio nome e la mia data di nascita, chi mai lo potrebbe scoprire!”

Il primo errore che solitamente si commette riguarda la superficialità e la convinzione che su internet non ci sia nessun nostro dato sensibile. Errore!

Internet è pieno di nostre informazioni, sia esse piccole come un indirizzo email, sia di buona entità come il nostro indirizzo di casa, codice fiscale o altro. Per capire come e quanto siano a rischio i dati personali si dovrebbero osservare le vicende che coinvolgono piattaforme di streaming e gaming come Netflix, Ubisoft, Sony, ecc… 

Ad esempio, qualche anno fa, migliaia  di account appartenenti ad alcune piattaforme video ludiche hanno subito particolari hackeraggi con il conseguimento di numerosi dati rubati. Il tutto va inteso come dati sensibili ora in possesso di hacker professionisti così come il numero di carta di credito, indirizzo email, via, numero di telefono e altro.

Quanto sono pericolosi gli attacchi informatici e a chi sono diretti
Quanto sono pericolosi gli attacchi informatici e a chi sono diretti

2. Il principale obiettivo di un hacker?

Gli hacker solitamente preferiscono attaccare “pesci piccoli” rispetto a grosse aziende in quanto sarà differente il livello di sicurezza informatico applicato alle due differenti realtà. Convieni con me che il sito dove ti sei iscritto per il corso di musica ha un livello di sicurezza nettamente inferiore ad un Amazon.it, Zalando o altre grosse aziende.

Tuttavia è sbagliato pensare “non ho nessun dato sensibile registrato” in quanto sono proprio email e password i primi obiettivi di un hacker, lo sapevi? Che cosa si può fare soltanto con questi due elementi?

Esistono numerosi sistemi di hackeraggio come il “brute force”: Sapendo la tua email il sistema proverà ad accedere centinaia di volte al secondo fino a scoprire le tue credenziali di accesso. Il secondo passo dopo aver scoperto la password della tua email? Che si tratti di un vestito od un paio di scarpe, basterà aver effettuato un acquisto online per risalire alle tue abitudini, ai siti visitati ed a quelli che possiedono dati più succulenti.

Ricevi email dalla tua banca? Sappi che in questo modo è possibile scoprire qual è la tua filiale, l’ultimo contratto registrato, tutti i movimenti bancari effettuati online e, se hai a che fare con hacker professionisti non ci vorrà molto per reperire delle tue foto per sbloccare l’accesso al conto corrente. Detto questo fai molta attenzione a proteggere computer e smartphone da virus e malware oltre che scoprire tutti gli account che possiedono i tuoi dati e tenerli bene a mente!

Protezione antivirus attiva su Norton antivirus
Protezione antivirus attiva su Norton antivirus

3. Perché proteggere PC e smartphone da virus e malware se i dati sono in rete?

Qualsiasi sia il dispositivo che utilizzi per affacciarti alla rete è il principale organo da tenere sotto controllo. Proteggere computer e smartphone da virus e malware è la base per la propria sicurezza in quanto digiterai decine di password ogni giorno sulla tua tastiera e scaricherai centinaia di file apparentemente invisibili che registreranno le tue visite.

Sapevi che riuscendo soltanto ad accedere ai famosi “cookie” è possibile addirittura sapere se e che cosa hai visitato di recente? Seppur non saranno salvati i tuoi dati di accesso essi saranno recuperabili dai modelli di auto-compilazione di Google Chrome, Firefox, ecc…

Inoltre nel tuo dispositivo sono presenti foto, video, documenti di lavoro. Perché mettere a rischio tutto questo? Scaricando un’app sbagliata od installando un programma malevolo potresti infettare il device e far girare involontariamente qualche virus in grado di compromettere la stabilità del dispositivo.

Qualsiasi dato che ti riguarda è importante ed è per questo che dovresti seguire dei semplici consigli per proteggerli e salvaguardare PC e smartphone da virus, malware ed attacchi informatici.

Protezione avanzata di McAfee Total Protection

4. Scegli un buon antivirus

La protezione base di qualsiasi dispositivo fisso e mobile la fornisce un buon antivirus. Pensi che sia banale la questione? Forse è perché non ti sei mai soffermato sulle differenze tra i vari antivirus, qual è il migliore?

La scelta dell’antivirus è di fondamentale importanza: Seppur dedichi molta attenzione a tutto il lavoro che esegui, ti ricordo che i tuoi dispositivi sono connessi alla rete h24 e perennemente raggiungibili da chiunque. Basti pensare a quanti messaggi arrivano su WhatsApp, Telegram o notifiche istantanee dei vari social.

Le infezioni presenti sul web sono milioni e non tutti gli antivirus sono uguali in quanto solo alcuni riescono a proteggerti interamente! Sfatiamo inoltre il mito di “basta avere un antivirus gratuito per sentirsi protetto” in quanto se tutti funzionassero egregiamente non esisterebbero versioni a pagamento, non credi?

Protezione sui dispositivi mobili di McAfee Total Protection
Protezione sui dispositivi mobili di McAfee Total Protection

4.1. Come funziona un antivirus?

Prima di capire qual è il miglior antivirus in grado di proteggere computer e smartphone da virus e malware è necessario sapere come operano. I software di protezione hanno fatto passi da gigante negli ultimi anni in quanto la concezione negli anni 2010 era quella di “disinfettare il disco rigido” da eventuali minacce presenti nello stesso.

Oggigiorno esistono protezioni istantanee in grado di analizzare i file prima di porli nell’Hard Disk. Funzionano come una memoria nella quale viene collocato il file scaricato, l’antivirus controlla il codice che lo compone e se conforme lo scrive sul disco rigido.

Ricerca di virus in PC, MAC e smartphone con Norton antivirus
Ricerca di virus in PC, MAC e smartphone con Norton antivirus

4.2. Che cosa controlla un antivirus?

Tutti gli antivirus sono sviluppati per controllare i tipi di file, confrontarli con quelli presenti nel database così come parti di codice contenuti negli stessi. Il database non è nocivo in quanto serve come riferimento al tuo antivirus per poter operare. Tuttavia quest’ultimo va aggiornato quotidianamente per offrire una protezione completa ai dispositivi.

La maggior parte degli antivirus offrono un aggiornamento del database automatico, solitamente quotidiano, altri invece richiedono un aggiornamento manuale. Per essere sicuro che il tuo antivirus sia aggiornato correttamente posizionati nella schermata principale dello stesso ed individua l’apposita opzione “Update database”.

Protezione totale con Norton Antivirus
Protezione totale con Norton Antivirus

4.3. Scegliere il miglior antivirus: Compara le features

NOD32 Smart Security Premium

70.76
  • Tutti i dispositivi protetti
  • Protezione da virus, malware, phishing e ransomware
  • Criptaggio dei dati utente
  • Protezione da furto o smarrimento
  • Protezione avanzata contro hacker
  • Protezione avanzata della rete di casa
  • Compilazione automatica dei moduli e password
  • Protezione smartphone e tablet compresa

Kaspersky Total Security

41.99
  • Protezione disponibile per tutti i dispositivi: PC, smartphone e tablet
  • Browser crittografato per i pagamenti digitali
  • Protezione avanzata delle password
  • Protezione avanzata con VPN
  • Protezione avanzata con WiFi pubbliche
  • Indirizzo IP nascosto
  • Monitoraggio GPS
  • Filtri per siti Web
  • Strumento rimozione Trojan
  • Antivirus in tempo reale

Norton 360 Premium

99.99
  • Protegge fino a 10 dispositivi: PC, smartphone e tablet
  • Protezione da virus, malware e ransomware
  • Protezione da spyware
  • 75 Gb di backup nel cloud
  • Firewall avanzato
  • Password manager
  • Protezione per i minori
  • Protezione avanzata con VPN
  • Protezione contro accensioni involontarie di webcam

5. Controllare virus o malware in chat e nelle email

Il servizio di messaggistica istantanea ed email sono i nodi principali della diffusione di minacce. È talmente semplice infettare un dispositivo che quasi non ci si rende conto. Molte volte infatti basta cliccare un semplice link per scaricare involontariamente un programma auto-installante estremamente pericoloso. 

È bene quindi proteggere adeguatamente il computer e smartphone da tali virus e malware, ma non solo! Tantissime sono le minacce da non sottovalutare come i ransomware, trojan, back door, ecc… ognuno con funzioni e caratteristiche assai differenti.

Cosa fare per prevenire tutto questo?

  • Controlla il mittente del messaggio. Hai ricevuto un’email da un conoscente o da un nuovo indirizzo?
  • Evita di cliccare immediatamente sui link contenuti nelle email, sia esse provenienti da indirizzi conosciuti che non. Potresti ricevere da chiunque email involontarie contenenti minacce. È di fondamentale importanza quindi munirsi di un buon antivirus ed evitare di cliccare subito sui link di riferimento. Difatti potresti vedere apparentemente un link, quando invece il contenuto di esso è tutt’altro. (Esempio: Prova a cliccare qui: www.google.it. Noterai che il sito evidenziato è il classico motore di ricerca Google, ma si aprirà la homepage di Wikidos!
  • Come scoprire l’effettiva validità di un link?
    • Da computer: Passa il cursore del mouse sul link. In basso a sinistra del tuo schermo apparirà la destinazione di tale link;
    • Da smartphone: Tieni premuto sul link in questione. Ti apparirà un menù con il link intero o in alternativa potrai copiarlo ed incollarlo su un’app di note per verificarlo;
  • Blocca il download automatico dei file contenuti nelle email. Lo puoi fare tranquillamente nelle impostazioni del portale o dell’app di posta elettronica che utilizzi
  • Evita di rispondere ad indirizzi email sconosciuti;
  • Sfrutta i filtri messi a tua disposizione dai provider di posta elettronica così come le etichette per contrassegnare email “sane” da minacce visibili;
  • Configura la tua casella di posta elettronica inserendo nelle apposite opzioni gli indirizzi attendibili e bloccando quelli presenti nella casella “spam”;
  • Svuota frequentemente la casella di spam.
Icona Google Gmail
Icona Google Gmail

6. Tieni traccia di tutti i siti che hanno i tuoi dati

Oltrepassare le difese di sicurezza di un sito internet potrebbe essere una passeggiata per qualche hacker esperto e se all’interno si riescono a recuperare alcuni tuoi dati sensibili? Come già visto è pericoloso anche fornire il proprio indirizzo email, figuriamoci scoprire anche la password inerente a quel determinato account! Meglio quindi tenere traccia di tutti i siti che possiedono i nostri dati oltre che adottare un piccolo accorgimento: Cambiare periodicamente la password!

Un ottimo metodo per rendere più sicuri i nostri account è proprio quello di sostituire vecchie password con nuovi caratteri ed esiste un metodo unico per riuscire a ricordarsi tutti i dati di accesso. Dove si dovrebbe sostituire periodicamente la password:

  • Alla propria email personale;
  • Su tutti i siti contenenti dati sensibili;
  • Su tutti i siti e-commerce dove hai effettuato almeno un acquisto;
  • Ai tuoi profili personali come social media o chat istantanee.
lista siti internet ai quali siamo iscritti con l'emnail
Esempio di lista di siti ai quali ci si è iscritti con l'email

7. Account Google ed i compilatori automatici

Sono ormai effettivi aggiornamenti dei browser più noti riguardanti i compilatori automatici. Questi vengono presentati come dei bacini nel quale vanno a finire tutti i tuoi dati sensibili, recuperati all’occorrenza appena visiti un determinato sito internet. In questa maniera basterà ad esempio recuperare la password del tuo account Gmail per effettuare la sincronizzazione di Chrome e così via per i browser che implementano tale funzione. 

Un accorgimento fondamentale: Non utilizzare mai compilatori automatici legati ad account, ma sfrutta quelli del tuo software antivirus in quanto dotati di sistema crittografico e nettamente più sicuri!

Ecco quindi come disabilitare i compilatori automatici su uno dei browser più conosciuti al momento: Google Chrome.

  • Apri il browser Google Chrome;
  • Clicca sui tre puntini in alto a destra, quindi recati nelle impostazioni;
  • Scorri il menu fino alla voce “compilatori automatici” od effettua una ricerca nel campo superiore;
  • Tra le varie opzioni sono disponibili il salvataggio dei dati di pagamento e degli indirizzi. Ti basterà disabilitare tali opzioni tramite gli appositi pulsanti posti di lato per aumentare il livello di sicurezza del tuo account.
Impostazioni compilatori automatici di Google Chrome
Impostazioni compilatori automatici di Google Chrome